Serie C, Girone B 2016/2017
6a Giornata - 11 marzo 2017
FOX VS VINTAGE GHOSTS
FOX
LEGNARO
VINTAGE
GHOSTS
6
3
Ultima partita giocata.
Serie C, Girone B 2016/2017
7a Giornata - 25 marzo 2017
RAIDERS VS VINTAGE GHOSTS
RAIDERS
MONTEBELLUNA
VINTAGE
GHOSTS
Montebelluna (TV), ore 19:00
Prossima partita in programma.
“ Gallina vecchia fa buon COLAbrodo! „
L'angolo del rotobocciardatore.
Ma ineffabilmente elegante.
Martini Silvestro srl
News

News

23/12/2012

Il governo tecnico e la Fatalità

Il governo tecnico e la Fatalità Beh insomma. Alzi la mano chi, tra gli addetti ai lavori, si sarebbe aspettato i Vintage giungere alla pausa natalizia imbattuti ed in classifica dietro alle sole corazzate asiaghesi... tra di noi, nessuno. E se il godereccio pareggio strappato ai Newts all'esordio poteva forse essere un (pur clamoroso) fuoco di paglia da "outsider", la vittoria netta (più di quanto non suggerisca il risultato) ottenuta contro i puledri del Modena ci costringe a guardarci allo specchio ed a chiederci cartesianamente (o marzullianamente): "Ma noi, chi siamo? E cosa vogliamo?".

Perchè la tradizione, contro i gialloblu, lasciava presagire nefandezze: nella storia del sodalizio, estendendolo anche ai diretti predecessori Yuma, i figli del Ducato ci avevano sempre dato dispiaceri, infilando solo vittorie sia in casa che in trasferta. Due anni fa, in una doppia sfida generazionalmente improponibile (quasi tutti i modenesi erano under 20) ci fecero seriamente riflettere sulla impietosità del tempo, impartendoci lezioni sia di organizzazione che soprattutto di velocità. Considerando che la loro squadra quest'anno è la stessa, basata su uno dei migliori vivai del paese, ma con più esperienza... c'era sicuramente di che crucciarsi.

Il Doge Buzzo per l'esordio casalingo (in fiammante divisa completa, fresca di consegna) aveva comunque a disposizione tutti gli effettivi tranne Ciccio Sibilia, la cui assenza per cause di servizio era preventivata. Impensabile, visto il roboante esordio, modificare il line-up e quindi nella Marineria Vintage spazio al Bucintoro "nero" dello stesso inciabattato Doge Buzzo; a seguire la nerboruta galeazza (googlare!) da battaglia "bianca" con Ciubo Berto sul ponte di comando; pronto alla mischia poi il brigantino Arlecchino, con Lampi Bampi in seggiola a far l'Almirante e Ninazzo Caldart in luogo di Ciccio; alla fonda infine la fedele barcaccia del Duca Peron e del Presidente Casarini, impegnati in furibonde canaste fin dal riscaldamento. A mare, ad attirar cannonate e frecce ospiti, Aktarus Guarda nudo in salvagente, vessillo di San Marco in pugno; e Nik Gottardi appeso alla polena, pronto per esser calato alla bisogna.

Belli e tanti, sì; ma primi minuti in busa profonda per i Vintage, sui quali sembra incombere la ormai pluriennale maledizione modenese. I gialloblu infilano infatti due reti sui primi tre tiri, entrambi a finalizzare contropiedi ospiti che trovano colpevolmente impreparata la nostra difesa. Pienamente confermate le previsioni su che tipo di squadra ci saremmo trovati di fronte: veloci, precisi, sfrontati, con l'unico neo di una certa "leggerezza", almeno in confronto alla nostra stazza media, notoriamente degna del Foro Boario. L'atmosfera funebre dura tuttavia fortunatamente poco, perchè a meno di 20 secondi dal 2-0, la linea bianca confeziona un'occasione buona (quanto confusa) per Redbridge, cbe riduce le distanze con una deviazione sotto misura. La vera partita comincia qui: ridotti gli svarioni e riequilibrata la situazione, il copione vede comunque gli emiliani guizzanti e sempre pericolosi, specie nelle ripartenze, mentre i nostri, Aktarus compreso, prendono gradualmente confidenza cercando di non far sgusciare i giovinetti avversari tra le linee. Gira sporadicamente anche la linea Harlequin, in rigorosa modalità conservativa, e questo permette alle star di rifiatare. Si fa comunque tanta fatica, e non si riescono a creare situazioni realmente pericolose in zona difensiva modenese. Sventato un power play ospite da brivido (fuori il Cigno) a metterci in condizioni di nuocere arriva fortunatamente la prima penalità gialloblu: ed in questo fondamentale sappiamo di essere sempre pericolosi. Ma c'è da lavorare: ed in questo primo tempo di ristagnazione, è il governo tecnico della linea bianca ed in particolare il nostro Sommo Premier ad inventare soluzioni nella mestizia generale. Mariotto Monti prima infila un polsino all'incrocio trasformando il powerplay, poi, al cambio successivo, seconda prodezza in discesa solitaria e si passa in vantaggio, con grande sollievo del Doge Buzzo. La sfuriata del Premier rimarrà purtroppo l'unico apice di un primo tempo di notevole sofferenza: si riesce a contenere alla bell'e meglio, anche se arriva quasi subito la rete del pareggio con il giovane Prandini (figlio d'arte); ma non sembra esserci la furia agonistica che aveva messo in crisi i Newts la settimana precedente.

Alla ripresa delle ostilità, dopo un pastiche di blasfemie del Doge in spogliatoio, si riparte con piglio diverso. In porta spazio a Nik Gottardi. La sfuriata del coach sortisce i suoi effetti: c'è ora maggiore attenzione difensiva, essenziale contro giocatori più veloci di noi, e gli ospiti sono più imbrigliati. Cambi regolari anche per la linea Harlequin, e la partita scivola via divertente ma senza reti. A spezzare l'equilibrio per l'ennesima volta deve arrivare un power-play, e per fortuna è a nostro favore: buone le geometrie ed eccellente la finalizzazione del Cigno di Abano, peraltro superspecialista del fondamentale - è 4-3. Aumenta la fiducia, anche perchè, a sorpresa, i modenesi sembrano un pò meno assatanati in questa seconda frazione. Non ce lo facciamo dire due volte e Capitan Franzolin si infiltra tra le linee nemiche trovando il primo pesante sigillo stagionale. Il tempo di un cambio difensivissimo per gli Arlecchini, ed a mettere la propria memorabile firma sull'incontro è quindi Ciubo Berto, che indovina la combo mortale mulinando le dita tozze e spiattellando in faccia agli attoniti ospiti la più classica e micidiale delle Fatality: 360 in balaustra, finta a rientrare lungamente provata in allenamento e disco nel sette. Ovazione delle folle! Il triplo vantaggio a circa 10 minuti dalla fine sembrerebbe chiudere il discorso, ma i ragazzotti emiliani non sono per nulla arrendevoli e non smettono di provarci. Parrebbe però vano il tentativo, visto che si giunge fino a tre minuti dal termine senza variazioni. Poi ci pensano i Signori del Birrometro a mettere un pò di pepe al match, rilassandosi colpevolmente e concedendo prima un gollonzo in contropiede e poi un power-play (quantunque su fallo inesistente ravvisato al sempre correttissimo Lampi Bampi) che i modenesi trasformano a 1 minuto dal termine. Brividi quindi nel finale, con gli ospiti giustamente alla ricerca disperata del pari, fuori pure il portiere; ma è nulla di fatto e sospirone di sollievo per il PalaRaciti. Prima vittoria in saccoccia, ed in questa stagione non era per niente scontato arrivasse.

Pittoresco il proseguio di serata, con i Vintage prima tifosi sugli spalti a sostegno dei Ghosts "A" (vittoriosi contro i Vipers) e poi, già leggermente su di giri, alla prima meritata cena vittoriale al Pub. Gaudeamus!
Ora lunghissima e meritatissima pausa natalizia: si ripartirà solo il 19 gennaio, in trasferta a Ferrara. Sarà l'inizio di un autentico tour de force tra gennaio e febbraio, quindi la parola d'ordine è "ricaricare le pile" e cercare di confermarci sorpresa del girone: per ora lo siamo, prima di tutto per noi stessi...

VINTAGE GHOSTS - INVICTA MODENA 6-5 (3-3, 3-2)   >> Referto
1° T. - 0:41 Ballarin (IM), 4:51 Gasparini (IM), 5:09 Ponterosso (VG), 14:01 Monti (VG) PPG, 16:25 Monti (VG), 16:41 Prandini (IM)
2° T. - 32:59 Benvegnù (VG) PPG, 35:13 Franzolin (VG), 37:55 Berto (VG), 46:58 Gandolfi (IM), 48:52 Prandini (IM) PPG

Penalità: VINTAGE GHOSTS 8' - INVICTA MODENA 4'
Percentuali PP: VINTAGE GHOSTS 100% (2/2) - INVICTA MODENA 25% (1/4)
VINTAGE GHOSTS: Guarda (Gottardi); Benvegnù (A), Callegari, Berto, Romanato, Bampi, Caldart; Franzolin (C), Buzzo (A), Monti, Ponterosso, Puggina, Destro, Casarini, Peron.
INVICTA MODENA: Colazzo, Corni, Bellotto, Mirani, Gandolfi, Prandini, Ballarin, Astolfi, Gasparini, Sala, Natali E., Natali V., Bernabiti, Cipriano.


TUTTE LE NEWS
23/09/2013 Ciao Sergio
19/02/2013 News minimale
01/02/2013 Catarsi o catorsi?
16/03/2011 Orgoglio Vintage
22/02/2011 L'onore delle armi
Beck's
L'etichetta della settimana.
“ Xe come parlare de figa co un recion „
Il primo. L'unico. L'originale e inimitabile!
...Xè tornà!
SIE srl

curls

Ye Olde Beer-O-Meter now featuring fully reliable bottle-to-bottle progress !
>> ...ok ma cos'è ??
Beer-O-Meter for Dummies

Se stai leggendo questa spiegazione, o non sei uno di noi oppure lo sei ma non hai potuto resistere alla tentazione di cliccare alla rinfusa in giro per il sito.. nel primo caso, puoi continuare a leggere. Nel secondo, al prossimo allenamento PORTA UNA CASSA (o un fusto), grazie!

Il Beer-O-Meter, altrimenti noto come BIRROMETRO, concettualmente si perde nella notte dei tempi. La nostra incarnazione nasce nel 2006 per celebrare le gesta della compagine Yuma Hockey Team, ancora oggi leggendarie. Il birrometro misura i litri di birra bevuti dai nostri eroi nel corso della stagione corrente, sommando allenamenti, post-allenamenti, partite e post-partite. Non sono conteggiate le bevute private dei singoli giocatori (ovviamente per questioni di privacy!).

L'attendibilità dei conteggi è del tutto aleatoria in quanto solitamente basata su stime fatte a posteriori, e quasi sempre per ampio difetto (vista l'assoluta mancanza di lucidità di chi effettua i conteggi).

La stupefacente novità del birrometro Vintage Ghosts sta nella resa grafica. Ora è possibile avere un'idea visiva di quante bottiglie da 33 sono state svuotate nella stagione in corso. Ci siamo presi la libertà di convertire in bottiglie anche fusti e giraffe, per coerenza. Ci scusiamo per la licenza. Ma anche no!
Nella scorsa stagione (2014/2015) i Vintage Ghosts sono riusciti nella inaudita ma ineluttabile impresa di battere per la QUINTA volta consecutiva il proprio record assoluto. I nuovi Signori del Birrometro hanno fissato l'asticella a quota 1460 litri. Una media imbarazzante di oltre 170 litri al mese. Superarsi ri^5-nuovamente sarà un compito vieppiù titanico, tuttavia il roster presenta ancora una volta alcuni elementi di spicco a livello internazionale e lo staff tecnico ripone la massima fiducia nell'organico!

..........

La Direzione
1 bottle = 0.33 liters
1 bottle row = 116 bottles
0
5
9
0
Liters of Beer Poured So Far
last update: 14/03/2017
Bevete responsabilmente !